La finestra sul cortile.

Ieri ho portato a riparare la mia amata macchina del caffè.

Non sono potuto entrare nel laboratorio in quanto sprovvisto di greenpass – io prego davvero il Signore, per evidenti motivi, che non ci sia mai al mondo un essere umano che vada a farsi un tampone in farmacia per entrare da quello delle macchine del caffè.

La transazione, dunque, si è svolta in due fasi.

Nella prima, dall’interno del mio van parcheggiato proprio di fronte all’ingresso del laboratorio, ho raggiunto via filo il titolare dello stesso e gli ho spiegato che non sarei potuto entrare.

Nella seconda fase, l’esercente titolare di regolare partita IVA mi ha raggiunto nel cortile, dove ho potuto consegnargli la macchina da riparare, insieme ad un congruo fondo spese di dieci euro per la ricerca del guasto.

Mi sono sentito come credo di sentissero quelli che andavano a comprare il burro in piazza ai tempi del mercato nero durante la guerra.

Mi consola tuttavia l’aver in questo modo evitato, col mio incerto soffermarmi in cortile senza aver ingresso nel laboratorio, la morte e l’invalidità di dozzine di persone.

Cosa sono sacrifici come questo quando in ballo c’è la salute?

E poi dura solo fino al 31 marzo.

Forse.

👉 1️⃣ cerca «noi non vaccinati solignani» con google 2️⃣ collegati e iscriviti al blog 👍

Pubblicato da Tiziano Solignani

counselor, professional coach, avvocato

Unisciti alla discussione

2 commenti

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: